Le piscine a skimmer sono in assoluto le più diffuse per la loro praticità e per l’ottimo rapporto qualità-prezzo. Gli skimmer sono aperture poste lungo le pareti della vasca, l’acqua battendo contro di esse viene raccolta e convogliata all’impianto di filtrazione. Una volta depurata, poi, viene nuovamente reimmessa nell’impianto attraverso le bocchette di mandata. Si tratta, insomma, di un impianto elementare, che grazie alla sua semplicità ed efficacia è diventato uno dei principali metodi di ricircolo per impianti privati e non.

Il sistema a skimmer è, infatti, basilare sia nei suoi elementi costitutivi che nel suo funzionamento. È facile da installare e da gestire, e in generale si mantiene efficiente negli anni a patto di essere ben tenuto. L’unico aspetto da verificare al momento dell’installazione, è che il numero di skimmer sia appropriato per la portata d’acqua dell’impianto, in modo tale che non si creino zone “di buco” in cui l’acqua non viene raccolta.

Se vuoi che il tuo sistema a skimmer non ti crei problemi, punta sulla pulizia!

La morale è proprio questa. Affinché il sistema di ricircolo faccia il suo dovere senza intoppi, devi, innanzitutto, tenerlo pulito e controllare periodicamente lo stato delle sue componenti. Come in ogni altra attività che riguarda la piscina, la pulizia è alla base, non solo di una corretta igiene, ma anche del corretto funzionamento delle diverse parti della struttura. A maggior ragione, dato che l’aspirazione avviene solo attraverso gli skimmer, è importante mantenerli perfettamente lindi eliminando ogni traccia di sporco e ogni detrito.

Come pulire il cestello e le pompe del sistema di ricircolo a skimmer?

Il cestello dello skimmer è la parte cruciale. È qui, infatti, che si accumula tutto lo sporco che viene raccolto dalla vasca. Ecco perché ha bisogno di un controllo frequente. Se hai una piscina a skimmer, lo saprai bene, che le aperture vanno monitorate quasi quotidianamente nei mesi di utilizzo dell’impianto e i detriti vanno rimossi il prima possibile, per evitare che il cestello si intasi, impedendo un efficiente ricircolo dell’acqua. Allo stesso tempo, non bisogna dimenticare le pompe, che come ogni altra componente, vanno anch’esse pulite periodicamente.

La frequenza della pulizia dipende dallo sporco accumulato

Sei tu che devi valutare quando è il momento di procedere. Ricorda, però, che durante il periodo estivo, quando la piscina viene utilizzata, impurità e sporcizia fanno in fretta ad accumularsi, un po’ perché portate dai bagnanti, un po’ perché trascinate dal vento o cadute dagli alberi.

Per la pulizia vai sul sicuro!

Quando ti accingi a pulire il cestello degli skimmer e le pompe, scegli un prodotto sicuro e garantito. Non fidarti di consigli trovati in qualche pagina Facebook, o di tecniche fai-da-te. Ricordati che gli acidi possono danneggiare irreparabilmente i materiali e che sostituire un pezzo risulta molto più gravoso e caro che investire qualcosa in più in un buon detergente. Piuttosto, per essere certo della validità del prodotto, ti conviene rivolgerti al tuo rivenditore di fiducia da cui hai acquistato la piscina. Saprà sicuramente consigliarti al meglio in base alle tue esigenze!

Fonte